Acne: dubbi e certezze

Un altro dubbio inerente a brufoli, punti neri e pelle grassa è la relazione fra questi e l’alimentazione. I genitori tendono spesso a sottolineare l’alimentazione sbagliata dei figli, facendo loro notare le conseguenze spuntate sulla loro pelle. Ecco, a tal proposito c’è da dire che, se è vero che è fondamentale seguire una sana e varia alimentazione (ma questa regola non vale certo solo per gli adolescenti!), è anche stato dimostrato, piuttosto recentemente, che le patatine, la cioccolata e gli altri alimenti generalmente creduti come colpevoli di contribuire alla formazione dell’acne, sono in realtà… innocenti. E’ invece stato dimostrato, al contrario, che un alimento di per sé sano come il latte ha una qualche relazione con l’aumento dei brufoli.

acne giovanile

Questo perché il latte conterrebbe un tipo di steroidi che contribuirebbero a stimolare le ghiandole sebacee (le quali sono responsabili della formazione di pus, e quindi, di brufoli). Sarebbe quindi meglio, incredibile ma vero, non esagerare con il latte, o in certi casi più gravi addirittura eliminarlo dall’alimentazione, nel periodo in cui i brufoli tendono a proliferare.

E ci sono anche tanti piccoli accorgimenti che vi svelerò, volta per volta, per trattare e “sopravvivere” a brufoli, punti neri e pelle grassa. Quindi, non scoraggiatevi e anzi agite, altrimenti da grandi potreste pentirvene…

Nel prossimo articolo parleremo di saponi e detergenti. A presto!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *