Ecco la dieta anti-acne

Sei uno di quelli che si trova sempre a combattere contro i problemi dovuti alle impurità della pelle, acne in primis? Nuovi progressi in campo ricerca scientifica suggeriscono che potrebbe essere fondamentale semplicemente partire da alcune modifiche alla tua dieta. Uno studio, pubblicato di recente sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics,  evidenzia sempre di più la presenza di un legame tra dieta e acne. Soprattutto se si parla di diete ad alto carico glicemico e di prodotti lattiero-caseari, i ricercatori hanno affermato in un comunicato stampa che potrebbe attenuare il problema la terapia medica nutrizionale (MNT), «giocando un ruolo importante nella cura dell’acne».

dieta-della-pancia_o_su_horizontal_fixed

Sono i batteri a provocare l’acne?

Gli adolescenti si trovano ad affrontare una miriade di sfide durante la crescita, una delle quali è l’acne giovanile, che secondo una ricerca americana colpisce quattro ragazzi su cinque di età compresa tra 12 e 24 anni. Fortunatamente, però, al giorno d’oggi ci disponibili trattamenti efficaci capaci di combattere l’acne e ridurre i danni da essa causati. Tuttavia, un recente studio ha fatto nuova luce sul problema, e con esso potrebbe cambiare, in futuro, il modo in cui funzionano oggi i trattamenti contro l’acne.

Tale studio, effettuato da ricercatori della University of California, Los Angeles (UCLA), ha sfatato la credenza popolare secondo la quale tutti i batteri presenti sulla pelle ne favoriscono la formazione. I nuovi risultati, pubblicati il 28 febbraio 2013 sul Journal of Investigative Dermatology, potrebbero inaugurare una nuova era concernente le cure per la pelle acneica, che dovrebbe essere rifornita di batteri “buoni”.

ricerca-1

Cure per acne. I farmaci più diffusi

L’acne può essere definita molto comune, ciò non toglie tuttavia che sia causa di notevole disagio: un bravo medico dovrebbe trattare tale patologia in modo efficace, non banalizzarla.

L’acne giovanile (o acne vulgaris) è molto diffusa e colpisce, prima o poi, quasi tutti gli adolescenti e gli adulti. Anche non compromettendo la salute generale, l’acne non va considerata una malattia banale, poiché ad esempio in grado di produrre cicatrici cutanee ed emotive che durano tutta una vita. Numerosi  sono le conseguenze enumerabili in problemi psicologici, causando dunque una notevole diminuzione dell’autostima nell’età adulta. Fortunatamente è abbastanza curabile: ecco una panoramica sull’acne e qualche possibile rimedio.

acne

Come conquistare una ragazza. O un ragazzo

Non per tutti le relazioni con l’altro sesso sono semplici, e spesso questo si riversa sulla propria autostima. E, a proposito di autostima, molte volte la causa di questa stentata comunicazione è proprio lei: la fatidica acne giovanile. Non a caso i ragazzi il cui viso è più o meno ricoperto di acne fanno più fatica a “fare conquiste” e, dall’altro lato, per le ragazze dal viso brufoloso fanno molta più difficile a farsi piacere o addirittura, nei casi più gravi, accettare. Una faccia acneica è oggetto di scherno, o peggio, ribrezzo, ecco perché  più audaci non chiedono spesso la mano di una giovane ragazza con questo problema, ed ecco perché, tra ragazzine, di rado si esprime una cotta per un adolescente con untuosità e punti neri. Come reagire?

2010-08-02-embrace

I brufoli del dopo ceretta

I brufoli post ceretta costituiscono un fenomeno abbastanza frequente, ma pochi sanno come trattarli o addirittura prevenirli. Innanzitutto c’è da dire che possono essere di vario tipo: brufoletti dopo la depilazione ai baffetti, pustole più grosse all’inguine, bozzi su gambe e braccia, rossori generali, e così via. La tecnica stessa di depilazione via ceretta contribuisce a questo rischio, benché ogni pelle, diversa dalle altre, reagisca a modo suo; la comparsa dei brufoli post ceretta è infatti provocata sia dal calore della cera, sia dal tipo di cera utilizzata, sia dalla reazione della pelle ai peli strappati, sia al comportamento prima, durante e dopo l’epilazione.

ceretta-caldo